ASSEGNO DI CURA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIERNTI - 2019

Avviso pubbico per la presentazione della domanda di accesso all'assegno di cura per anziani non autosufficienti - anno 2019

📌 CHI SONO I DESTINATARI?

Sono destinatari dell'assegno di cura, pari a euro 200,00 mensili, le persone anziane ultrasessantacinquenni non autosufficienti, residenti nei Comuni dell'Ambito Territoriale Sociale n. 15 - Macerata ed ivi domiciliati. In caso di anziani residenti nell'ATS n. 15 ma domiciliati fuori Regione, il Comune di domicilio dovrà essere confinante con la Regione Marche.

Sono destinatari dell'assegno di cura, esclusivamente gli anziani ultrasessantacinquenni che permangono nel proprio contesto di vita e di relazioni attraverso interventi di supporto assistenziale gestiti direttamente dalle loro famiglie o con l'aiuto di assistenti familiari in possesso di regolare contratto di lavoro che s'impegnano ad iscriversi all'Elenco regionale degli Assistenti familiari (DGR n. 118 del 02/02/2009), presso il Centro pe l'Impiego, l'Orientamento e la Formazione (entro 12 mesi dalla concessione del beneficio).

 

📌 QUALI SONO I REQUISITI?

La persona anziana assistita deve:

  • aver compiuto i 65 anni di età alla data di scadenza dell'avviso pubblico;
  • essere residente, nei termini di legge, in uno dei Comuni dell'ATS n 15 (ed ivi domiciliati o domiciliati nel territorio della Regione Marche o in Comuni confinanti con la Regione Marche);
  • usufruire di un adeguato supporto assistenziale presso il proprio domicilio;
  • essere già dichiarata non autosufficiente con certificazione di invalidità pari al 100% (vale la certificazione di invalidità anche in caso di cecità) e percepire l'indennità di accompagnamento. Non sono ammesse al contributo le persone che hanno in corso di valutazione la domanda per il riconoscimento dell'indennità di accompagnamento. Vige, in ogni caso, l'equiparabilità dell'assegno per l'assistenza personale continuativa erogato dall'INAIL se rilasciato a parità di condizioni dell'indennità di accompagnamento dell'INPS e alternativo alla stessa misura.
  • essere provvista di Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) attestante la richiesta dell'Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE). Può essere richiesto, per le situazione previste dalla normativa vigente, l'Isee socio sanitario o l'Isee ordinario.

📌 CHI PRESENTA LA DOMANDA?

Possono presentare la domanda:

  • l'anziano stesso, qualora sia in grado di determinare e gestire le decisioni che riguardano la propria assistenza e la propria vita;
  • i familiari che accolgono l'anziano nel prorpio nucleo o che si prendono cura dello stesso anche se non convivente;
  • il soggetto incaricato alla tutela dell'anziano in caso di incapacità temporanea o permanente (tutore, curatore, amministratore di sostegno, ecc.)

LE DOMANDE DI ASSEGNO DI CURA PER L'ANNO 2019 REDATTE SU APPOSITO MODULO, DOVRANNO PERVENIRE, NEI MODI STABILITI DALLA LEGGE, PRESSO L'UFFICIO DI AMBITO O L'UFFICIO DI PROMOZIONE SOCIALE (UPS) DI UNO DEI COMUNI DELL'ATS 15 O PRESSO L'UFFICIO DEI SERVIZI SOVILI DEL COMUNE DI RESIDENZA ENTRO IL 17 MAGGIO 2019.

 

📌 COSA DEVE ESSERE ALLEGATO AL MODULO DELLA DOMANDA?

La domanda deve essere corredata obbligatoriamente dalla seguente documentazione:

  • copia di un valido documento di identità del richiedente e dell'anziano/a;
  • copia del verbale di invalidità civile e di documentazione attestante il diritto all'indennità di accompagnamento;
  • la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) attestante la richiesta dell'Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE). Può essere richiesto, per le situazioni previste dalla normativa vigente, l'Isee socio sanitario o l'Isee ordinario.

📌 COME SI ARRIVA ALL'ASSEGNO DI CURA?

Il Coordinatore dell'ATS n. 15, in collaborazione con l'Ufficio di Piano, attiva un iter per definire gli aventi diritto all'assegno di cura. In particolare verrà predisposta e approvata dal Comitato dei Sindaci, come da Delibera di Giunta Regionale n. 1697/2018, la gradutoria unica di Ambito redatta in base al valore ISEE in ordine crescente e a parità di valore IISEE si utilizzerà come titolo di precedenza la maggiore età.

La graduatoria non da immediato diritto al contributo che sarà subordinato alla valutazione di assistibilità a domicilio da parte dell'Assistente Sociale dell'ATS n. 15 e alla realizzazione di un Patto per l'assistenza domiciliare e un Piano Assistenziale Individualizzato (PAI) da sottoscrivere a cura delle parti con i quali viene svolta l'analisi della situazione e la costruzione del rapporto di collaborazione tra famiglia e servizi entro la quale si inserisce la contribuzione economica, tale contribuzione cositutisce un servizio aggiuntivo al sistema delle cure domiciliari e non un semplice intervento di sostegno al reddito.

Nel caso il beneficiario dell'assegno di cura sia assistito da Assistente familiare privata, dovrà essere esplicitato il suo impegno formale ad iscriversi all'elenco regionale degli Assistenti familiari (DGR 118 del 02/02/2009), presso il Centro per l'Impiego, l'Orientamento e la Formazione (entro 12 mesi dalla concessione del beneficio).

Per i casi di maggiore complessità, l'Assistente Sociale dell'ATS n. 15 potrà avvalersi della collaborazione dell'UVI dell'ASUR A.V. 3.

 

📌 QUALI SONO LE CARATTERISTICHE DEL''ASSEGNO DI CURA?

L'assegno di cura non è comulabile con:

  • tutti i servizi socio-assistenziali erogati dai Comuni dell'ATS n. 15;
  • il Servizio di assistenza domiciliare erogato dall'ATS n. 15 a favore di anziani ultrasessantacinquenni affetti da Alzheimer o altre forme di demenza;
  • gli interventi Home Care Premium dell'INPS;
  • gli interventi relativi alle "Disabilità gravissime" di cui alla DGR 1697/2018.

L'assegno di cura decade nei seguenti casi:

  • l'assegnatario viene inserito in maniera permanente c/o una struttura residenziale o in caso di ricovero temporaneo del beneficiario c/o strutture residenziali per priodi superiori a 30 giorni;
  • accesso del beneficiario ai Servizio SAD di ATS n. 15 o SAD attivato dal Servizio Sociale del Comune di residenza;
  • venir meno delle condizioni previste all'atto della sottoscrizione degli impegni assunti con i destinatari dei contributi nell'ambito del Piano Assistenziale Individualizzato (PAI) o del Patto per l'assistenza;
  • venir meno delle condizioni di accesso e, in genere, delle finalità previste dall'intervento;
  • rinuncia scritta del beneficiario;
  • decesso del beneficiario.

In caso di decadenza del beneficiario per i motivi di cui sopra, si provederà allo scorrimento delle graduatoria con decorrenza non retroattiva del beneficio economico.

 

Nel caso di presenza di più anziani non autosufficienti nello stesso nucleo familiare viene concesso un massimo di due assegni utilizzando come titolo di precedenza l'età maggiore e, a parità di età, la valutazione dell'Assistente Sociale dell'ATS n. 15.

 

La graduatoria è valida per l'anno solare 2019.

 

📌 PER REPERIRE I MODELLI DI DOMANDA ED OTTENERE INFORMZIONI 

  • Ufficio di Servizio Sociale del Comune di residenza;
  •  Ufficio di Promozione Sociale del Comune di residenza (trova il tuo UPS cliccando qui);
  • Ufficio di ATS n. 15 al numero 0733.256291-344 o agli indirizzi mail assegnodicura@comune.macerata.it e ambitosociale@comune.macerata.it